Il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili ha approvato il finanziamento per 1.426.706 euro dei 14 progetti di fattibilità presentati dalla Città metropolitana di Veneziaattraverso i fondi europei del PNRR

Data: 
21/12/2021 - 14:15
La somma stanziata dal MIMS corrisponde a quella richiesta dalla Città metropolitana per i 14 progetti

Nota Stampa

Il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili ha approvato il finanziamento per 1.426.706 euro dei 14 progetti di fattibilità presentati dalla Città metropolitana di Venezia che rientrano nelle opere da realizzare attraverso i fondi europei messi a disposizione dal PNNR

 

Il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili ha approvato il finanziamento dei 14 progetti di fattibilità presentati dalla Città metropolitana di Venezia che rientrano nelle opere da realizzare attraverso i fondi europei messi a disposizione dal PNNR (Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza) e che si inserisce all'interno del programma Next Generation EU (NGEU). 
La somma stanziata dal MIMS corrisponde a quella richiesta dalla Città metropolitana per i 14 progetti che corrisponde a 1.426.706 euro. Gli interventi previsti sono suddivisi in cinque assi principali: la cittadella dello sport di Tessera, alcuni itinerari ciclabili sul territorio metropolitano, la nuova questura di Marghera, interventi di edilizia scolastica diffusa, lavori per la sicurezza delle strade metropolitane.

“È significativo che il MIMS abbia accolto in toto la richiesta di finanziamento di tutti i 14 progetti di fattibilità che abbiamo presentato come Città metropolitana – spiega il Sindaco Brugnaro – È senza dubbio un segnale importante che ci arriva dal Governo che ha deciso di accelerare i tempi e allo stesso chiede agli enti velocità nel presentare i progetti da realizzare con i fondi del PNRR. Si tratta di interventi attuativi inseriti nel Piano Strategico metropolitano: mobilità sostenibile, sport, infrastrutture e scuola sono temi prioritari per la Città metropolitana. Un grazie particolare va, dunque, al Ministero, ai tecnici e a tutti coloro che stanno lavorando a questi progetti”.

La partita più importante è senza dubbio quella della Cittadella dello Sport di Tessera, un progetto di respiro metropolitano allargato, con uno stadio, una piscina olimpionica e un palasport per ospitare grandi eventi internazionali di sport, musica e spettacolo a beneficio dell’intero territorio.
Il primo asse di interventi (580mila euro) riguarda il progetto di fattibilità tecnico ed economica per la realizzazione della cittadella sport a Tessera che comprende la costruzione del nuovo stadio, di un palasport e di una piscina olimpionica, in particolare della viabilità e delle opere di urbanizzazione, che possano servire all'intero territorio della Città metropolitana di Venezia ma anche oltre, l'area trevigiana, padovana e, in parte, friulana.

Nel secondo asse sono compresi 7 progetti che interessano la realizzazione di altrettanti itinerari ciclabili e piste ciclopedonali. Il primo di questi (80mila euro) la messa in sicurezza con la demolizione e la ricostruzione di un ponte esistente sul fiume Dese lungo l’itinerario ciclabile Portegrandi-Ca’Sabbioni in Comune di Venezia. ll secondo (70mila euro) prevede la realizzazione del collegamento ciclabile tra Porto Menai e il Forte Poerio lungo la Sp 22 “Stradona” in Comune di Mira.

Un percorso ciclopedonale è, poi, il terzo progetto (50mila euro) che riguarda la Sp 19 “Dolo-Camponogara” tra via Silvio Pellico in Comune di Camponogara e via Guardiana in Comune di Dolo. Il quarto progetto (50mila euro) in ambito di mobilità sostenibile riguarda la nuova pista ciclopedonale lungo la Sp 90 “Eraclea Mare” in Comune di Eraclea. Quindi un altro nuovo tratto di pista ciclopedonale è previsto nel progetto (50mila euro) che riguarda il collegamento tra Fiesso d’Artico e Paluello di Stra nel Comune di Stra. Il sesto prevede, invece, la progettazione (70mila euro) per il percorso ciclopedonale sulla Sp 33 “Mirano-San Giorgio delle Pertiche” in Comune di Mirano e Santa Maria di Sala. Il settimo e ultimo riguarderà il progetto (50mila euro) per la realizzazione di un percorso ciclopedonale sulla Sp 61 tra Annone Veneto e San Stino di Livenza.

Nel terzo asse rientra la progettazione per l’edificazione (100mila euro) della nuova sede della questura e commissariati della Polizia di Stato a Mestre e Marghera oltre agli uffici dell’immigrazione della questura.
 
Nel quarto asse sono invece inseriti 4 interventi di edilizia scolastica (200mila euro) per  l'adeguamento alla normativa di prevenzione incendi dell’Istituto “Scarpa-Mattei” sede di via Leopardi a San Stino di Livenza, del plesso scolastico “Ipsia G.Ponti” di Mirano, dell’Iss “A. Barbarigo” di Castello a Venezia e del Iss “Venier-Cini” in rito terà Sant’Iseppo a Castello Venezia.
Un ultimo finanziamento riguarda il progetto di fattibilità tecnico economica per il ripristino della segnaletica stradale delle strade provinciale metropolitane attraverso degli interventi per rendere più funzionale la segnaletica, i dissuasori di velocità e i guard-rail.

I progetti di fattibilità seguiranno, ora, questo iter con queste scadenze come termine massimo: entro il 15 marzo 2022 dovrà essere presentato il Cig (Codice identificativo di gara). Entro l’11 settembre 2022 dovrà venire aggiudicata la gara. Entro il 31 agosto 2024  andrà, infine, approvato il progetto di fattibilità.

 

Ufficio Comunicazione Gabinetto Sindaco

 

Tutte le Notizie