SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, OGGI IL CONVEGNO NELL'AUDITORIUM DEL CENTRO SERVIZI DELLA CITTA' METROPOLITANA

Data: 
25/05/2018 - 14:15
Presentati i risultati dell’indagine che ha interpellato i Comuni come base della proposta di lavoro per il network dei Suap locali

L’utilizzo e le potenzialtà dello Sportello Unico delle Attività Produttive (Suap) per la Città Metropolitana e i comuni del territorio. Questi i temi affrontati oggi nell'auditorium del Centro Servizi in via Forte Marghera durante il convegno che ha messo a fuoco il progetto di coordinamento metropolitano Suap dei Comuni del territori.

Semplificazione amministrativa dei procedimenti in materia ambientale, edilizia ed economico-produttiva e all’integrazione degli interventi dei soggetti coinvolti, innnovazione amministrativa e sviluppo delle competenze. Su queste linee guida si sono basati gli interventi del dirigente del servizio ambiente Massimo Gattolin e delle organizzazioni imprenditoriali (Camera di Commercio e Confindustria) di area metropolitana e  la Regione Veneto coinvolte.

 

Ad introdurre il convegno il saluto di Saverio Centenaro, delegato del sindaco metropolitano Luigi Brugnaro.

“Questa giornata rappresenta un momento importante di confronto e di scambio tra gli enti e le istituzioni del territorio, coinvolti in un progetto ambizioso che nasce all’interno del PON-GOVERNANCE 2014-2020 e si attiva in una logica di semplificazione amministrativa come chiave di volta per il rilancio delle potenzialità del territorio – ha spiegato Centenaro - . L’obiettivo dell’area tematica “Semplificazione amministrativa e innovazione istituzionale“ inserita nel progetto Metropoli strategiche, è infatti quello di promuovere nuove modalità di programmazione economico-territoriale di area vasta al fine di attivare azioni per uniformare i tempi e le modalità di accesso da parte di cittadini e imprese ai procedimenti amministrativi. Con questo primo incontro, la Città metropolitana di Venezia vuole porre le basi per sviluppare con gli enti del territorio, in particolare con i Comuni, un network operativo a servizio degli sportelli unici locali e di un tessuto economico produttivo che chiede sempre a gran voce, soprattutto a noi istituzioni, senso pratico, efficienza, efficacia e rapidità nei risultati”.

 

Nel corso del convegno Gattolin ha presentato i risultati dell’indagine messa a punto dalla Città Metropolitana di Venezia, che ha interpellato i Comuni in materia, come base della proposta di lavoro per il network dei Suap locali.

Gli obiettivi che sono emersi identificano tre obiettivi da raggiungere per il futuro. Il primo riguarda i comportamenti uniformi: rendere, cioè, più efficiente ed efficace l’azione dei Suap e degli altri attori coivolti attraverso un’azione di regole e informazioni  condivise. Il secondo tocca l’efficienza tecnologica: è necessario proporre interventi migliorativi al software per la gestione automatica e facilitata delle situazioni ricorrenti eliminando così passaggi ripetitivi. La terza azione, infine, si deve concentrare sulla manutenzione legislativa  che richiede una analisi e eventulai aggiornamenti alle normative come indicato dalle tetsimonianze e dai suggerimenti delle associaizoni di categoria.

Elena Bonafè Silvia Schiabello (area ambiente e territorio, Confindustria), Giorgio Porzionato (Registro imprese e semplificazione amministrativa, Cciaa Venezia-Rovigo), Adanella Peron (direzione Industria e Artigianato, Regione Veneto), Carlo Apponi (network nazionale semplificazione amministrativa Metropoli Strategiche, Anci) hanno quindi portato la loro testimoninaza e il loro punto di vista su criticità, possibili migliorie e vantaggi di un corretto utilizzo del Suap.

 

“L’organizzazione di questo incontro ci consente di esercitare la nostra missione più specifica: quella di sostenere le realtà locali di area metropolitana, per lavorare insieme e rafforzare le nostre capacità di risposta in un contesto sempre più complesso e sfidante” ha concluso Centenaro.

 

 

Tutte le Notizie

Vota il sito per qualità dei servizi, fruibilità e accessibilità